Testimonianze

Giancarlo Sgura – Personale di Produzione

Ho conseguito il diploma di maturità scientifica e successivamente mi sono iscritto al corso di laurea in Ingegneria Meccanica presso il Politecnico di Torino, ma dopo due anni ho deciso di iniziare la carriera lavorativa.

Sono entrato in Dow nel 1999 come operatore d’impianto per il business Dow Building Solutions presso l’impianto STYROFOAM dello stabilimento di Correggio (produzione di pannelli espansi estrusi utilizzati in edilizia). In questo ruolo, seguivo la parte relativa alla linea di finitura e imballaggio del prodotto finale, assicurando la qualità del prodotto tramite specifiche analisi di laboratorio eseguite in continuo durante la produzione. Nel 2006 mi è stata data l’opportunità di cambiare ruolo e sono diventato Activity Coordinator, ovvero coordinatore del personale d’impianto e delle attività di manutenzione. Nel 2009 ho assunto il ruolo aggiuntivo di Production Coordinator, nel quale svolgevo compiti nell’ottica del miglioramento della produttività d’impianto riducendo gli standard cost dei singoli prodotti inseriti nel mix di produzione. Nel 2011 sono entrato a far parte dell’European Foundation Project team come responsabile per Correggio per l’introduzione di nuove materie prime competitive.

Nel giugno 2013 sono entrato nel team di Mozzanica dove ho l’opportunità di mettere a disposizione la mia esperienza per raggiungere nuovi obiettivi. Questo cambiamento mi ha permesso di entrare a far parte di una realtà produttiva differente; le competenze acquisite in precedenza e un team di collaboratori molto aperto mi hanno agevolato e consentito di inserirmi in breve tempo nell’organizzazione. In aggiunta, il ruolo di Activity Coordinator mi ha portato a occuparmi di aspetti nuovi e sfidanti quali il coordinamento dell’attività e del personale di produzione con l’obiettivo del miglioramento continuo della produttività d’impianto rispettando i requisiti di sicurezza e di qualità della Società.

Fondamentale per il mio sviluppo professionale, oltre all’esperienza maturata, è stata la capacità di mettermi in gioco, sapere che potevo acquisire nuove competenze insieme a quello che mi veniva facile fare. È stato l’impegno in un lavoro che mi piace. Un ruolo chiave l’ha avuto la mia famiglia che mi ha incoraggiato e supportato in questo cambiamento.